Truffa del cartellino UdA: chiusa l’inchiesta

università d'annunziouniversità d'annunzio

Chiusa l’inchiesta sulla presunta truffa del cartellino all’ UdA , l’Università d’Annunzio di Chieti Pescara. Rischia il rinvio giudizio l’ex sindacalista Piero De Bonis.

Il Pm Giancarlo Ciani ha chiuso l’inchiesta per la quale l’ex sindacalista e capo ufficio dell’UdA, l’Università D’Annunzio di Chieti Pescara Piero De Bonis , 64 anni, rischia il rinvio a giudizio con le accuse di truffa aggravata, falso ideologico e sostituzione di persona. La Procura della repubblica di Chieti ha aperto l’inchiesta per accertare se De Bonis lo scorso agosto era in vacanza su un’isola greca oppure in ufficio. Secondo il cartellino marcatempo lo storico dipendente dell’ateneo, ormai prossimo alla pensione, era al lavoro. In base ad un esposto presentato alla magistratura dalla Digos, invece, sarebbe stato a molti km di distanza per godersi una vacanza in camper in Grecia. L’accusa si riferisce, però, ad un solo giorno di agosto. Ora De Bonis dovrà dimostrare che era regolarmente in ufficio e che non è un furbetto del cartellino.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Truffa del cartellino UdA: chiusa l’inchiesta"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*