Amato a Madia: “Ruolo di regia a Prefettura Chieti”

Taglio-Prefettura-chieti

“Un ruolo di regia per la Prefettura di Chieti” è stato sollecitato dalla deputata vastese del Pd, Maria Amato.

La amato lo ha detto al ministro della Pubblica amministrazione Marianna Madia nel corso di un incontro che si è svolto stamattina a Roma. La Amato ha sollecitato una specifica attenzione per la Prefettura teatina all’interno del progetto pilota “Piano di razionalizzazione delle sedi degli uffici statali”. Il Piano, recentemente portato all’attenzione anche del presidente del Consiglio Matteo Renzi, è stato sottoscritto il 3 novembre dell’anno scorso a Chieti, a Palazzo di Governo, alla presenza anche di Graziano Delrio. Il progetto, promosso da Giovanni Legnini quando era sottosegretario all’Economia, anticipa diversi punti della riforma della PA.

“Siamo soddisfatti per l’attenzione che il ministro ha mostrato verso le nostre istanze – ha commentato Maria Amato – abbiamo chiesto che i provvedimenti che riguardano le Prefetture abbiano come punto di riferimento non solo le linee guida del Viminale, ma anche i principi della riforma Madia che abbiamo votato con convinzione e che va nel senso di una migliore organizzazione dell’amministrazione”.

La deputata del Pd ha concluso sottolineando l’assoluta convergenza col ministro Madia sulla necessità di riorganizzare la macchina amministrativa sotto il profilo dell’efficienza e della qualità, senza “smantellare la presenza dello Stato nei territori”.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Amato a Madia: “Ruolo di regia a Prefettura Chieti”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*