Il Fiume e la Memoria: Dall’Aterno al Tronto

Il Fiume e la Memoria: Dall’Aterno al Tronto, la nota kermesse pescarese lancia un ponte verso le popolazioni colpite dal terremoto ed annuncia iniziative ad hoc per l’edizione 2017.

L’idea è quella di strutturare una serie di iniziative artistiche sia performatiche che espositive che possano raccontare la realtà di Pescara del Tronto, che,  duramente colpita dal sisma dello scorso 24 agosto, rischia di finire nell’oblio. Per la stesura e la strutturazione di questi appuntamenti artistici e culturali che ospiteremo all’interno del cartellone della prossima edizione del festival, rivolgiamo sin da ora l’invito agli artisti e agli spettatori che vorranno partecipare e darci una mano con suggerimenti, idee, lavoro di ricerca antropologica e tutto ciò che potrà rivelarsi necessario per la strutturazione di spettacoli ed esposizioni che possano raccogliere la memoria storica del paese sul Tronto, da poco colpito dal sisma. Per chi volesse partecipare al progetto: “dall’Aterno al Tronto” può intanto mandare una mail con la propria candidatura presso: [email protected] all’attenzione di Milo Vallone, direttore artistico del Festival con oggetto: dall’Aterno al Tronto.

” Desideriamo conoscere e raccontare – spiega Milo Vallone – la storia di questo piccolo borgo sul Tronto. Il sisma dello scorso 24 agosto l’ha profondamente ferito radendolo quasi completamente al suolo e vorremmo dare il nostro contributo affinché non venga smarrita la sua antica storia. Sappiamo che le “cose da fare” sono innumerevoli di fronte a tragedie di questa portata, io non so a che punto della classifica delle priorità venga posizionata la salvaguardia del patrimonio culturale, storico ed artistico inteso in tutte le sue forme ma so che in quella lista, anche questo “da fare”, c’è. Ho sempre creduto nell’importanza delle funzioni sociali e per chi fa il nostro mestiere di raccontatori dell’esistenza, occuparsi di questo aspetto, credo sia un dovere civico e sociale imprescindibile. Sappiamo tutti che c’è molto da fare. C’è bisogno di soldi, di alloggi, di strutture pubbliche, di viveri e servizi, di ricostruzione ma sappiamo anche che sono altrettanto importanti gli aspetti artistici e culturali che conservano la memoria storica di un popolo e mentre per i primi aspetti è giusto che se ne occupi lo Stato e la libera generosità dei singoli e di associazioni e strutture di volontariato, per gli aspetti artistici e culturali credo sia doveroso che in qualche misura se ne facciano carico, appunto, artisti e operatori culturali. Ora, al momento in cui diamo il via a questo progetto, non so e non sappiamo dove ci porterà questo viaggio che durerà 11 mesi ma sappiamo che vorremmo fosse un viaggio condiviso con gli artisti, gli spettatori e con le loro idee. Pittori, poeti, attori, registi, fotografi, scrittori e quanti vorranno dare la propria disponibilità sono i benvenuti. Non chiediamo contributi economici ma tempo e creatività. Per ora, in questa prima fase – conclude Vallone – aspettiamo mail con idee e suggerimenti.”

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Il Fiume e la Memoria: Dall’Aterno al Tronto"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*