Renzi dagli Alpini Abruzzesi in Libano

Renzi dagli Alpini Abruzzesi in Libano.  Il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ha incontrato gli Alpini del Battaglione L’Aquila del Contingente Italiano in missione in Libano.

  “Portate con voi l’orgoglio della vostra appartenenza e l’affetto degli italiani. Vi siamo riconoscenti. Qualunque sia il futuro che ci aspetta, noi siamo l’Italia, un paese che ha dato e continua a dare tanto al mondo. Un paese orgoglioso dei propri soldati, di quello che fanno con professionalità e umanità che ci rende a testa alta capaci di guardare negli occhi chiunque”. Così il premier Matteo Renzi si è rivolto nella base di Shama agli Alpini del Battaglione L’Aquila del contingente italiano impegnato nella missione Unifil in Libano. Renzi ha ricordato che “in Libano c’è il contingente più numeroso” e che il nostro paese “incoraggia gli sforzi di cambiamento delle nuove generazioni”. Ma “accanto all’impegno nella scuola e nella cultura, la consapevolezza grande che noi abbiamo – ha evidenziato ancora il premier – è che l’Italia e il Libano non hanno soltanto una identità di vedute e di comune sentire, hanno anche donne e uomini che, allontanandosi da casa, sono orgogliosi di servire il casco blu delle Nazioni unite, simbolo di pace, di lotta alla disuguaglianza, al fanatismo e all’estremismo, ma hanno anche un tricolore che li rappresenta nel modo più bello e significativo. Buon Natale dal profondo del cuore”.

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Renzi dagli Alpini Abruzzesi in Libano"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*