Chieti Scalo: Lavorazione olive nel fiume, frantoio sequestrato

Chieti Scalo: Lavorazione olive nel fiume, frantoio sequestrato, ad intervenire gli agenti della Guardia Costiera di Pescara in un impianto di Chieti Scalo che scaricava le acque di vegetazione in un fosso che confluiva nel fiume Pescara.

I militari hanno scoperto una condotta sotterranea attraverso la quale i gestori dell’impianto smaltivano illegalmente i rifiuti liquidi provenienti dalla molitura. Il titolare é stato deferito all’Autorità Giudiziaria. L’intervento rientra nell’ambito di un’intensificazione dei controlli sull’intera asta fluviale Aterno-Pescara, in collaborazione con il Comune, ma anche con il Corpo Forestale dello Stato e l’Arta. Passate al setaccio decine di chilometri di argini fluviali nei territori provinciali di Pescara e Chieti, attività commerciali ed industriali. Tra le violazioni accertate anche il cattivo funzionamento del depuratore di Chieti Scalo e l’inadeguatezza dell’impianto fognario di Pescara che, in caso di mancato funzionamento delle pompe di sollevamento, anche solo per un semplice sbalzo dell’elettricità, sversa automaticamente le acque non depurate nel fiume.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Chieti Scalo: Lavorazione olive nel fiume, frantoio sequestrato"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*