Montesilvano, gli extracomunitari ignorano le Forze dell’Ordine

Montesilvano, gli extracomunitari ignorano le Forze dell’Ordine. Prosegue l’azione delle Forze di Polizia a Montesilvano Spiaggia per rimuovere le tende installate dagli extracomunitari sull’arenile. Soltanto ieri mattina si è registrato un nuovo blitz della Polizia Municipale in collaborazione con i Carabinieri di Montesilvano contro il degrado sulla spiaggia. Ma già nel pomeriggio gli extracomunitari avevano risistemato le loro tende.

Prosegue l’azione di contrasto da parte della Polizia Municipale di Montesilvano ai fenomeni di degrado ed inciviltà in città. Dopo le numerose denunce fatte nelle scorse settimane da associazioni e cittadini che segnalavano la presenza di alcune tende sulla spiaggia di Montesilvano, è giunto il nuovo sgombero di extracomunitari da parte delle forze di Polizia. Il degrado ed il disordine regna ormai da diverso tempo in numerose porzioni della città. L’amministrazione comunale è intenzionata a riportare il decoro e la pulizia. Il blitz della Polizia Municipale in collaborazione con i Carabinieri di Montesilvano è scattato ieri mattina nei pressi del pontile Largo Maastricht. Gli agenti in divisa con i Militari dell’Arma hanno provveduto a far sgomberare le quattro tende sistemate sulla spiaggia ormai da settimane. Gli extracomunitari hanno assistito alla rimozione delle tende. Sul marciapiede sono state sistemate le loro cose in attesa di rimuoverle. ma tutto vano, Nel pomeriggio infatti, le tende erano nuovamente sulla spiaggia. Il Comune ha manifestato la volontà di portare avanti con maggior incisività la lotta alla clandestinità ed al degrado. Ma, stando ai risultati, sembra che gli extracomunitari ignorino completamente le disposizioni delle Forze dell’Ordine. Alla richiesta di maggior decoro e sicurezza da parte dei cittadini di Montesilvano, Amministrazione Comunale e Forze di Polizia dovrebbero dare una risposta più severa, determinata ed incisiva.

Sii il primo a commentare su "Montesilvano, gli extracomunitari ignorano le Forze dell’Ordine"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*