Villetta Barrea: ciclisti ritrovati dopo una notte al freddo

Due mountain bikers romani sono stati ritrovati in Val Fondillo, nel Parco Nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise, dopo che ieri sera era scattato l’allarme per il loro mancato rientro in un camping di Villetta Barrea.

Si tratta di due giovani di 18 e 19 anni che sono stati ritrovati, all’alba di questa mattina, 8 settembre, in buone condizioni di salute. A lanciare l’sos al 118 è stato il gestore del camping dal quale i ciclisti erano usciti di mattina con l’intenzione per percorrere una serie di tracciati. Sembra, però, che non fossero ben equipaggiati per trascorrere una intera notte a temperature che hanno sfiorato i 5 gradi.

Dopo le 17,30 di ieri si erano perse le loro tracce: da quando avevano inviato una foto ai genitori da Forca Resuni. Grazie alla sinergia tra Soccorso Alpino e Speleologico, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco e Guardie del Parco Nazionale i soccorritori hanno deciso di percorrere una serie di itinerari, in territorio abruzzese e laziale, che culminano al rifugio di Forca Resuni, a 1952 metri sul livello del mare.

Determinante è stato poi il ritrovamento in Val Canneto, in territorio laziale, delle due bici legate a un albero e, a circa un km di distanza, a 1500 metri di altitudine, sono stati ritrovati i due dispersi che sono stati trovati molto infreddoliti e stanchi.

Sii il primo a commentare su "Villetta Barrea: ciclisti ritrovati dopo una notte al freddo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*