Teramo, a scuola chi rompe paga

Nel giorno della riapertura delle scuole è stata presentata dalla Provincia Di  Teramo la campagna di educazione civica contro gli atti di vandalismo al patrimonio scolastico denominata “Carta o Contanti? Da oggi se rompi, ricompri”.

Molte delle richieste di manutenzione che arrivano periodicamente dalle scuole all’ufficio tecnico dell’ente provinciale sono riconducibili  ad atti di vandalismo. Il danneggiamento del patrimonio scolastico è anche frutto di una mancanza di consapevolezza dei ragazzi rispetto al valore del bene pubblico, pagato con le tasse dei cittadini. Il primo step della campagna consiste in uno spot in cui recitano due studenti teramani e un dipendente della Provincia nel ruolo di bidello. Lo spot, girato al Liceo Artistico Montauti, sarà pubblicato su Facebook e Instagram. La campagna è associata anche alla modifica del regolamento sul patrimonio: la scuola dovrà dimostrare che i danneggiamenti non siano frutto di azione vandalica o che abbiano compiuto tutte le azioni necessarie per individuarne il responsabile, altrimenti le spese non saranno a carico della Provincia, bensì dell’istituto stesso.

 

Sii il primo a commentare su "Teramo, a scuola chi rompe paga"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*