Rifiuti abusivi scaricati nell’area del canile di Chieti: presto le telecamere

Dopo l’ennesimo episodio a Chieti presto verranno installati dispositivi per immortalare i cittadini che scaricano abusivamente i propri rifiuti nell’area del canile comunale di Chieti.

Il consigliere comunale di Chieti Franco Di Pasquale, delegato del sindaco Umberto Di Primio alla protezione animale, denuncia l’ennesimo episodio che denota la mancanza di senso civico da parte dei teatini che scaricano rifiuti vicino al canile comunale di Chieti. L’ultimo, in ordine di tempo, si è verificato, la scorsa notte.

Di Pasquale evidenzia che “Questa notte si è verificato l’ennesimo atto di inciviltà nell’area del canile di Chieti, in contrada Vallepara: sono stati scaricati illecitamente chili di rifiuti, taluni anche pericolosi, nell’area antistante il rifugio, da parte di individui senza scrupoli. Non è la prima volta che accade e non è la prima volta che la ditta affidataria del Servizio di Igiene Urbana è costretta a smaltire una vera e propria discarica abusiva. Ora basta! Sentito il Sindaco Di Primio e il responsabile del Consorzio Formula Ambiente si è deciso che verranno installate nei prossimi giorni delle foto trappole per individuare i trasgressori.

L’accesso al canile verrà, dunque, monitorato tramite telecamere per evitare che gli incivili, notte tempo, vadano a scaricare abusivamente i propri rifiuti a ridosso delle sistemazioni degli animali. Le sanzioni saranno molto salate e qualora fossero rinvenuti rifiuti pericolosi scatterà anche la denuncia penale per i trasgressori. È incomprensibile tale atteggiamento ma è ancor più assurdo che i cittadini non si servano del Centro Raccolta Comunale di via Aterno per scaricare gli ingombranti. Abbandonare rifiuti nell’ambiente è un vero e proprio reato e in quanto tale i responsabili pagheranno”.

Il consigliere Franco Di Pasquale torna a porre l’attenzione anche sulla situazione del canile sanitario di Bucchianico dell’Azienda Sanitaria Locale 02 Lanciano/Vasto/Chieti, chiuso ormai da 7 mesi.

Di Pasquale afferma che “Pur ringraziando sentitamente, per il lavoro e la collaborazione, il Direttore del Dipartimento di Prevenzione della Asl Lanciano/Vasto/Chieti Giuseppe Torzi e il Responsabile Randagismo, Igiene Urbana Veterinaria Ettore De Nobili è importante che Chieti possa fare riferimento sulla struttura di Bucchianico.

Lanciano, unico canile sanitario funzionante, più limitrofo al capoluogo, non può sobbarcarsi il carico delle altre città e degli altri paesi. Confido, pertanto, nella sensibilità dell’Assessore Regionale alla Sanità, Nicoletta Verì, affinché non disattenda l’interessamento mostratomi qualche mese fa. Attualmente le sterilizzazioni di cani e gatti proseguono, seppur a rilento, ma è innegabile il disservizio creatosi con la chiusura dell’ambulatorio veterinario di Contrada Colle Cucco. Confidiamo tutti nel progetto di ristrutturazione della struttura di Bucchianico: il lavoro che mi vede impegnato con la delega al Randagismo e il soccorso di animali incidentati non è variato seppure il trasferimento del canile sanitario a Lanciano”.

1 Commento su "Rifiuti abusivi scaricati nell’area del canile di Chieti: presto le telecamere"

  1. Se solo mettessero qualche telecamera anche al Parco Fluviale dietro al Megalò….quanti ne prenderebbero, ma evidentemente sono scomode per qualcuno che decide…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*