Premio Borsellino: “Quarto Savona 15” la memoria in viaggio

Per la prima volta in Abruzzo la teca con i resti della “Quarto Savona 15”, la Croma della scorta del giudice Falcone saltata in aria a Capaci.

La teca sarà esposta da sabato prossimo a Piazza Sacro Cuore a Pescara, per tre giorni, nell’ambito della 26esima edizione del Premio Borsellino. Un’occasione straordinaria soprattutto per le migliaia di studenti invitati alla cerimonia inaugurale, provenienti da circa venti istituti scolastici abruzzesi, per ricevere una testimonianza diretta del valore di quel tragico sacrificio del giudice Giovanni Falcone e della sua scorta, uno dei tanti sacrifici di chi ha dato la vita per il bene dello Stato e in difesa della legalità. Alla cerimonia saranno presenti Tina Montinaro, vedova di Antonio Montinaro che in quella vettura viaggiava insieme a Vito Schifani e Rocco Dicillo, ed é lei che ha fortemente voluto che i resti della “Quarto Savona 15” girassero l’Italia. Ci sarà anche il vice presidente del Csm Giovanni Legnini, neo presidente nazionale del Premio Borsellino per il biennio 2018-2019; il vice capo della Polizia di Stato Luigi Savina; il Procuratore Nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho; Giovanna Boda dirigente del Miur; Fabrizia Francabandera presidente della Corte d’Appello de L’Aquila; il procuratore capo della Repubblica di Pescara Massimiliano Serpi; il questore Franco Misiti ed il prefetto Gerardina Basilicata.

Sii il primo a commentare su "Premio Borsellino: “Quarto Savona 15” la memoria in viaggio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*