Prostituzione nel night, tre condanne nel teramano

Prostituzione nel night, tre condanne nel teramano per il presunto giro di escort al Freeway 2 di Castellalto.

I giudici del tribunale di Teramo hanno inflitto quattro anni e due mesi per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione e 3 mesi per lesioni a Camillo Fratini, al figlio Fabrizio e alla fidanzata Francesca Amici. I tre sono finito sotto processo per un presunto giro di prostituzione scoperto nel night club Freeway 2 di Castellalto. I fatti si riferiscono ad un’indagine di qualche anno fa, quando i carabinieri di Giulianova, coordinati dal pm Irene Scordamaglia, I fatti contestati ai tre risalgono ad alcuni fa, quando al termine di un’indagine condotta dai Carabinieri i tre vennero arrestati. L’accusa ipotizza che le ballerine, dopo essersi esibite sul palco e avere intrattenuto i clienti ai tavoli, su richiesta degli stessi si trasferissero nei privée per consumare rapporti sessuali a pagamento. Quando i carabinieri fecero irruzione nel night sequestrarono anche un notevole quantitativo di profilattici, sia nuovi e che usati. Oggi per i tre è arrivata la condanna, decisa dal presidente della giuria Flavio Conciatori e dai giudici a latere Franco Tetto ed Enrico Pompei. Ai tre sono state contestate anche le lesioni in relazione ad una violenta discussione tra Francesca Amici e una ballerina del Freeway2, che successivamente si costituì parte civile e alla quale è stato riconosciuto il risarcimento del danno da stabilirsi.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Prostituzione nel night, tre condanne nel teramano"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*