Teramo: imprenditore palpeggia e patteggia

giustizia

Teramo: imprenditore palpeggia e patteggia per aver molestato una sua dipendente in una struttura ricettiva di Mosciano Sant’Angelo.

Teramo: imprenditore palpeggia e patteggia per aver molestato una sua dipendente.  Si tratta di un uomo di 46 anni originario del Nord d’Italia che è stato condannato a un anno ed  otto mesi di reclusione  per aver molestato una sua dipendente di 30 anni mentre si trovavano in una struttura ricettiva di Mosciano Sant’Angelo. Il gup Domenico Canosa lo ha condannato con rito abbreviato per violenza sessuale. I due nel giugno dello scorso anno si erano fermati a dormire nella struttura della località del teramano dove si erano recati per seguire un corso di aggiornamento. Era rimasta libera una sola stanza da letto ed i due hanno deciso di dormire insieme. Durante la notte l’imprenditore ha iniziato a toccare la dipendente che dopo ripetute proteste è fuggita dalla stanza e il giorno successivo lo ha denunciato facendo scattare la denunzia per violenza sessuale.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Teramo: imprenditore palpeggia e patteggia"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*