Lanciano, futuro incerto

Lanciano, futuro incerto. La squadra continua ad allenarsi, ma a tenere banco è la conferenza stampa di ieri.

Stavolta partiamo dalla fine, dal confronto che c’è stato con la nutrita delegazione dei tifosi al termine della lunga conferenza stampa di Valentina e Gugliemo Maio. Anche nel faccia a faccia, deciso ma civilissimo, i due dirigenti rossoneri hanno confermato quanto detto davanti a microfoni e taccuini: la Virtus deve guardare al bilancio e al budget; probabilmente subirà una nuova penalizzazione per inadempimenti; la società non ha cacciato nessuno giocatore ma è stata chiesto loro di potere spalmare, senza perdere nulla, i compensi fino a giugno; per il mercato si confida nel DS Leone; D’Aversa (sempre secondo i dirigenti) forse avrà ancora più stimoli nel rimanere e anche se le cose dovessero andare male la famiglia non ha alcuna intenzione di mollare. Dall’altra parte i tifosi, che pur ricordando i tanti meriti dei Maio negli otto anni di gestione societaria, hanno sottolineato anche la mancanza di chiarezza di una situazione ampiamente prevedibile a inizio stagione. Insomma, in questa settimana che precede l’inizio del girone di ritorno, gli scenari potrebbero cambiare e anche parecchio. Oltre a chi ha deciso di andare via, i vari Mammarella, Crecco, Bacinovic e Marilungo, potrebbero cambiare aria. D’Aversa continua ad allenare la squadra, ma avrà il suo da fare per allestire un undici da mandare in campo il 16 gennaio contro la pro Vercelli.

L'autore

Paolo Durante
Ha conseguito la Maturità Scientifica, si è iscritto nel 1990 nell’elenco Pubblicisti dell’ODG Abruzzo ed è Professionista dal 2007. Tra le esperienze più significative quella di collaboratore sportivo del quotidiano “Il Centro” per 10 anni. Per Rete8 si è occupato di cronaca, politica, economia, attualità ed attualmente di sport. E’ appassionato di lettura e fotografia.

Sii il primo a commentare su "Lanciano, futuro incerto"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*