Lanciano Avellino, stop che non ci voleva

Lanciano Avellino, stop che non ci voleva.

Vincono gli irpini 2-1, ma il protagonista assoluto è stato l’arbitro Martinelli inadeguato per una gara tanto importante. Per i rossoneri uno stop grave che complica maledettamente la corsa salvezza. La squadra di Tesser, invece, incassa tre punti che vogliono dire salvezza. Le reti nel primo tempo. Mokulu sugli sviluppi di un calcio di rigore che è anche costato il rosso ad Amenta. Raddoppio di Joa Pedro e poi Salviato su un rigore sbagliato da Ferrari, realizza il 2-1. Inutile il coraggio e la generosità dei rossoneri nel secondo tempo, tutto giocato all’attacco. A fine gara, da registrare anche la scarsa sportività mostrata da alcuni giocatori dell’Avellino che hanno provocato il pubblico del Biondi.

Clicca qui per la webcronaca della partita

Clicca sotto per la sintesi completa

L'autore

Paolo Durante
Ha conseguito la Maturità Scientifica, si è iscritto nel 1990 nell’elenco Pubblicisti dell’ODG Abruzzo ed è Professionista dal 2007. Tra le esperienze più significative quella di collaboratore sportivo del quotidiano “Il Centro” per 10 anni. Per Rete8 si è occupato di cronaca, politica, economia, attualità ed attualmente di sport. E’ appassionato di lettura e fotografia.

Sii il primo a commentare su "Lanciano Avellino, stop che non ci voleva"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*