Teramo Calcio, Piccioni: “Sfida affascinante con mio zio…”

Il nuovo attaccante biancorosso è tornato in Abruzzo dopo le esperienze di Lanciano e L’Aquila e vuole lasciare il segno anche con la maglia del Teramo. Come lo zio Bruno.

Il Diavolo continua a sudare al ritmo di due sedute al giorno. Domani è in programma il primo test a ranghi misti alle 18.00 (l’ingresso al Bonolis è gratuito). E’ un primo passo che consentirà al tecnico Zichella di iniziare a conoscere i tanti volti nuovi (ben 11) arrivati finora in biancorosso. Uno di questi è l’attaccante Gianmarco Piccioni (28 anni), peraltro già conosciuto dalle nostre parti per avere giocato con Lanciano e l’Aquila (le sue prime tappe importanti nel calcio). Piccioni, inoltre, è nipote d’arte visto che lo zio Bruno è stato un indimenticato protagonista con la maglia biancorossa. Piccioni ha vissuto anche importanti esperienze estere per quattro stagioni e mezzo, nei campionati bulgaro, maltese e rumeno, con le casacche di Shumen, Mosta, Balzan, Politehnica Iasi e Uta Arad, con 37 reti complessive a referto. Nell’ultima stagione, si è messo in luce con la maglia del Santarcangelo, timbrando undici marcature e andando in doppia cifra anche negli assist.

 

Sii il primo a commentare su "Teramo Calcio, Piccioni: “Sfida affascinante con mio zio…”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*