Rimini L’Aquila, rossoblu in serie D

Rimini L’Aquila, rossoblu in serie D. I padroni di casa dilagano 3-1 e si salvano.

La squadra di Perrone, dunque, fallisce la partita più importante della stagione. E lo fa nella maniera peggiore, cioè giocando male e soprattutto senza quella determinazione e voglia dettata dall’importanza della posta in palio. Nel primo tempo Rimini padrone del campo e solo imprecisione e sfortuna hanno impedito alla squadra di Acori di segnare almeno tre gol. La rete arriva nel finale di tempo su calcio di rigore trasformato da Polidori. Nell’azione del penalty il portiere Scotti è stato espulso. Nella ripresa solo una timida reazione iniziale; troppo poco perché il Rimini continua a giocare e chiude la gara con il raddoppio di Polidori.
La rete di Manuel Mancini aveva riacceso la speranza, ma l’espulsione di Maccarone e il tris di Mancino a pochi minuti dal 90′ hanno decretato il verdetto: il Rimini rimane in Lega Pro e L’Aquila sprofonda in serie D.

L'autore

Paolo Durante
Ha conseguito la Maturità Scientifica, si è iscritto nel 1990 nell’elenco Pubblicisti dell’ODG Abruzzo ed è Professionista dal 2007. Tra le esperienze più significative quella di collaboratore sportivo del quotidiano “Il Centro” per 10 anni. Per Rete8 si è occupato di cronaca, politica, economia, attualità ed attualmente di sport. E’ appassionato di lettura e fotografia.

Sii il primo a commentare su "Rimini L’Aquila, rossoblu in serie D"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*