Pescara Calcio: processo fallimento rinviato a settembre

E’ stato rinviato al 23 settembre il processo per il fallimento del Pescara Calcio che vede imputati alcuni ex dirigenti della squadra ed ex vertici della banca Caripe.

Si tratta di 7 persone: gli ex presidenti Nicola Lisi, Massimiliano Pincione e Gerardo Soglia, l’ex vicepresidente Francesco Soglia e gli ex vertici della banca Caripe Dario Mancini, Franco Coccioli e Tonino Di Berardino. Il rinvio è stato disposto dal Gup del tribunale di Pescara. Gli imputati sono accusati a vario titolo di bancarotta e bancarotta fraudolenta ed erano stati rinviati a giudizio il 16 gennaio del 2013. Il crac della società, invece, risale al dicembre del 2008, quando il club biancazzurro venne dichiarato fallito con un passivo di circa 17 milioni di euro. Il 20 gennaio dell’anno successivo, la società venne rilevata all’asta da una cordata di imprenditori locali che diede vita all’attuale Delfino Pescara.

L'autore

Paolo Durante
Ha conseguito la Maturità Scientifica, si è iscritto nel 1990 nell’elenco Pubblicisti dell’ODG Abruzzo ed è Professionista dal 2007. Tra le esperienze più significative quella di collaboratore sportivo del quotidiano “Il Centro” per 10 anni. Per Rete8 si è occupato di cronaca, politica, economia, attualità ed attualmente di sport. E’ appassionato di lettura e fotografia.

Sii il primo a commentare su "Pescara Calcio: processo fallimento rinviato a settembre"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*