Lega Pro L’Aquila – Analisi e riflessioni

Lega Pro L’Aquila – Inizia la settimana che vale una stagione. Solo un risultato a disposizione a Rimini. I giocatori pagano il biglietto ai tifosi ma la situazione è complicata

Conta solo la vittoria. A Rimini per restare in lega pro occorre il successo e visti i 90′ del Fattori non sarà un’impresa facile. C’è un chiaro problema in zona gol: sabato scorso i pericoli sono arrivati con Ligorio, Piva e gli ultimi minuti di Andrea Mancini. Da applaudire gli 80′ di Vittorio Triarico ma non può bastare: sprecata un’occasione grande così con l’atteggiamento rinunciatario dopo i primi 10′ conditi dal gol dell’1-0. Occorre per Rimini trovare qualche soluzione alternativa: di positivo la condizione atletica. Con il gran caldo in arrivo l’Aquila appare avvantaggiata. Negli ultimi minuti del Fattori era il Rimini ad accusare la stanchezza e questo aspetto con le temperature elevate potrebbe essere determinante. Certo, L’Aquila dei grandi cantieri, L’Aquila dai più definita il più grande cantiere d’Europa doveva arrivare a giocarsi la salvezza in trasferta e per di più con un solo risultato a disposizione. Logico che no. Ma ne riparleremo da lunedì prossimo e in maniera dettagliata. Oggi servono solo 90′ di entusiasmo e di carisma. Con l’apporto dei tifosi che di certo non mancherà.

L'autore

Enrico Giancarli
Laureato in Economia e Commercio con tesi realizzata a Mediaset su costi e ricavi di un prodotto televisivo, si occupa di sport per Rete8. Responsabile comunicazione sui campi per i giochi del mediterraneo del 2009, inviato per Sky Sport alla Tirreno – Adriatico e al Giro d’Italia 2015, Telecronista di Londra 2012 per il basket e di Baku 2015 per la MTB. Ha giocato a pallavolo in serie A, pratica ciclismo nel quale ha vinto due titoli italiani ed un mondiale UCI riservato ai giornalisti. Cerca di raccontare gli eventi aggiungendo alla cronaca le emozioni che lo sport praticato sa regalargli.

Sii il primo a commentare su "Lega Pro L’Aquila – Analisi e riflessioni"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*