Basket Proger : i motivi della “crisi”

Basket Proger – Dopo quattro ko scatta il campanello d’allarme. Ecco i motivi del momento poco felice. Dalla panchina corta ad un calendario complicato.

Le quattro sconfitte di fila hanno tutte un filo conduttore e un neo grande così. Partiamo dal neo. Il black out lunghissimo di Ravenna che nel terzo quarto ha permesso il classico suicidio sportivo. Per il resto tutte sconfitte figlie di una panchina cortissima e poco producente. Se si esclude Piazza, la produzione della panchina è davvero bassissima. Difficile se non impossibile pensare di vincere o di poter essere competitivi quando il ritmo si alza e il quintetto deve fisiologicamente rifiatare. Il mercato è la soluzione più logica e che sicuramente verrà cavalcata dalla società che ha sempre fatto bene e che vuole continuare a fare anche meglio per la pallacanestro teatina ma fino al 18 gennaio i trasferimenti sono bloccati e occorre fare di necessità virtù. Come? Sfruttando ora il calendario che da nemico giurato con tre trasferte più la prima della classe può trasformarsi in fattore positivo: contro Recanati al PalaLeombroni vietato fallire.

L'autore

Enrico Giancarli
Laureato in Economia e Commercio con tesi realizzata a Mediaset su costi e ricavi di un prodotto televisivo, si occupa di sport per Rete8. Responsabile comunicazione sui campi per i giochi del mediterraneo del 2009, inviato per Sky Sport alla Tirreno – Adriatico e al Giro d’Italia 2015, Telecronista di Londra 2012 per il basket e di Baku 2015 per la MTB. Ha giocato a pallavolo in serie A, pratica ciclismo nel quale ha vinto due titoli italiani ed un mondiale UCI riservato ai giornalisti. Cerca di raccontare gli eventi aggiungendo alla cronaca le emozioni che lo sport praticato sa regalargli.

Sii il primo a commentare su "Basket Proger : i motivi della “crisi”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*