L’Aquila Calcio: Mancini ai domiciliari

L’Aquila Calcio: il vice presidente Massimo Mancini è ai domiciliari per un’inchiesta nata nel 2004 e riguardante fatti estranei alla squadra e alla ricostruzione aquilana.

Si tratta, nello specifico, di un’inchiesta della Procura di Roma relativa agli incassi dei rimborsi da parte di una Scarl di imprese costituita per la realizzazione di un appalto pubblico finalizzato all’ampliamento della Galleria Nazionale di arte moderna a Roma, poi saltato. L’accusa  è di concorso in bancarotta fraudolenta. Con una nota ufficiale la società rossoblu ha espresso la vicinanza a Massimo Mancini.
Intanto domai la squadra partirà per il ritiro di Colle di Mezzo e il 2 agosto giocherà in casa la prima di Tim Cup contro l’Arezzo. In caso di successo c’è il Novara. In caso di ulteriore vittoria il tabellone proporrà l’Udinese.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila Calcio: Mancini ai domiciliari"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*