Il Teramo Calcio ricorre al CONI contro retrocessione in Lega Pro

La Società Teramo Calcio ricorre al Collegio di Garanzia del CONI contro la sentenza della Corte d’Appello Federale che ha retrocesso in Lega pro con 6 punti di penalizzazione il club biancorosso.

“La sentenza della Corte federale d’appello, si legge nel comunicato,  è profondamente ingiusta laddove conferma il coinvolgimento del Presidente Luciano Campitelli nell’illecito sportivo e perciò la responsabilità diretta della società.

L’estraneità del Presidente, Luciano Campitelli, è stata dimostrata con solidi argomenti e non smentita da argomenti contrari.

Ma la Corte ha ignorato completamente ogni argomentazione e ha ribadito la responsabilità diretta con l’intento di privare il Teramo calcio della serie B appena conquistata e aprendo le porte all’Ascoli che anzichè vincere sul campo preferisce vincere con le carte bollate.

Procederemo immediatamente al ricorso davanti al Collegio di Garanzia del C.O.N.I. chiedendo la riforma dell’ingiusta sentenza e l’urgente sospensione dei suoi effetti.

Confidiamo nella giustizia e nella competenza del massimo organo sportivo indipendente e sovrano.”

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Il Teramo Calcio ricorre al CONI contro retrocessione in Lega Pro"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*