Sanità: Abruzzo promosso, altri fondi dal Governo

Sanità: Abruzzo promosso, altri fondi dal Governo. Il raggiungimento di tutti i parametri previsti dai Livelli Essenziali di Assistenza premiano gli sforzi compiuti dalla Regione.

L’Abruzzo in tema di Sanità, dimostra di essere una Regione seria, affidabile e meritevole di essere “premiata” dal Governo che destina nuove risorse al settore. Esprime soddisfazione ai microfoni di Rete8, l’assessore regionale alla Sanità, Silvio Paolucci, per i traguardi raggiunti. La serietà, l’efficienza ed il rigore dimostrati dalla nostra regione in ambito sanitario, ha aggiunto l’esponente della Giunta Regionale, hanno comportato l’uscita dal commissariamento.

“Per la prima volta nella storia dell’assistenza sanitaria di questa regione – afferma Paolucci – il Ministero della Salute certifica la piena adempienza (con un risultato di 163 superiore di tre punti rispetto all’adempienza di 160) agli obiettivi di salute misurabili mediante i Livelli essenziali di assistenza (Lea). Si tratta di un risultato storico non solo perché raggiunto per la prima volta, ma soprattutto perché colloca l’Abruzzo tra quelle regioni in Italia in grado di garantire un’assistenza sanitaria in linea con gli standard nazionali.”

Il nuovo Piano di riqualificazione 2016/2018, ha aggiunto infine l’assessore regionale Paolucci,

“potrà contare su nuove risorse del Governo Centrale, circa cento milioni di euro. Tutti gli adempimenti burocratici per il loro trasferimento sul territorio saranno perfezionati entro il prossimo mese di Dicembre. Si tratta di un’occasione significativa per investire sul diritto alla Salute degli abruzzesi con coraggio e voglia di cambiare il sistema sanitario regionale elevandone la qualità dell’offerta e rendendo il sistema sostenibile liberando nel contempo risorse per i cittadini”.

Le critiche di Forza Italia:

Per il gruppo consiliare di Forza Italia alla Regione, presieduto da Lorenzo Sospiri “il successo quindi per l’assessore sarebbe l’ok al piano sanitario così come lo hanno presentato? Dica allora chiaramente quale sarà il prezzo da pagare per gli abruzzesi e i pesanti danni che subiranno i territori. Meriterebbe ben altro dei complimenti che dice di aver ricevuto a Roma. Forza Italia resta fortemente critica sul piano di risanamento firmato Paolucci e D’Alfonso e continuerà la sua battaglia a difesa dei sacrosanti diritti dei cittadini”

La replica del segretario regionale del Pd Rapino:

L’uscita dal Commissariamento, i conti in regola, le riforme fatte sono obiettivi che ci permettono di accedere a nuovi finanziamenti e rendere vive e concrete le proposte fatte dal Pd e dall’assessore Silvio Paolucci. I tanti gufi del centrodestra abruzzese rimarranno a digiuno. Speravano di vedere compiuto lo sfascio che avevano provocato cambiando nella ex giunta Pace 5 assessori in cinque anni. Erano gli anni del centrodestra quando il presidente della commissione regionale sanita’ era nelle mani di Fabrizio Di Stefano e l’Abruzzo cadde in un deficit pauroso tanto da far rischiare il blocco dei servizi sanitari. Per loro e’ arrivata una cocente sconfitta. Gli strilli, le goliardie di oggi di Sospiri e Febbo sono per loro stessi un boomerang, la riprova che non hanno saputo governare. Facciano un seria autocritica – prosegue Rapino – e magari al posto delle polemiche possano avere tempo per studiare e collaborare con l’assessore Paolucci nell’interesse dei cittadini, di tutti i cittadini”.

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Sanità: Abruzzo promosso, altri fondi dal Governo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*