Punto nascita Ortona: Febbo, Tar accoglie sospensiva

febbo-mauro

Punto nascita di Ortona, il Tar ha accolto la richiesta di sospensiva della chiusura: per Mauro Febbo (FI) “tutto da rifare”.

“Punto nascita di Ortona: tutto da rifare in primis per Ortona e poi per Atri, Penne e Sulmona. Il Tar ha accolto la richiesta di sospensiva della chiusura confermando di fatto le numerose osservazioni che avevamo sollevato in questi ultimi mesi che ci hanno visto chiedere a gran voce e ripetutamente di rivedere il provvedimento”.

E’ quanto annuncia il Presidente della Commissione di Vigilanza, Mauro Febbo che spiega:

“Con la sentenza del Tribunale amministrativo quindi viene rimessa in discussione la scellerata linea intrapresa dalla Regione in Sanita’ e di fatto vengono smentite le motivazione portate avanti da una maggioranza presuntuosa , arrogante e “ignorante” perche’ ignora dati e procedure. Chi spieghera’ ai cittadini che non bisognava chiudere il Punto nascita? Chi paghera’ per i danni arrecati alle comunita’ locali? Come usciranno D’Alfonso e Paolucci da questa clamorosa debacle?”

Il commento dell’assessore Silvio Paolucci:

“Il Tar Abruzzo ha dato ancora una volta ragione alla Regione sul Punto nascita di Ortona, questa e’ la vera notizia”.

Lo afferma l’assessore alla Programmazione sanitaria, Silvio Paolucci, dopo aver letto l’ordinanza dei giudici amministrativi della sezione distaccata di Pescara depositata oggi.

“Come dovrebbe essere noto ai legislatori regionali, il punto nascita riguarda il reparto di Ostetricia, per il quale e’ stato nuovamente richiesta sospensiva e ancora una volta la stessa e’ stata respinta. Nel provvedimento – sottolinea Paolucci – si dispone la sospensione della delibera Asl limitatamente alla parte in cui dispone la interruzione dei ricoveri relativi ‘alle malattie e disturbi dell’apparato riproduttivo femminile’, cioe’ del reparto di Ginecologia dell’ospedale di Ortona. Per questo reparto la Regione e la Asl condividono l’esigenza di elevare, e di molto, l’offerta ospedaliera di Ortona, puntando, per il bene delle esigenze della popolazione abruzzese, sull’Oncologia ginecologica. Avendo, peraltro, la Regione Abruzzo un’offerta sovrabbondante delle prestazioni dei disturbi dell’apparato riproduttivo. Cio’ significa che verra’ predisposto eventualmente apposito decreto. A rafforzare questa interpretazione, nella parte dispositiva il Tar esclude espressamente i ricoveri che ‘esulano l’ambito ostetrico e perinatale’. Questi sono gli atti, le interpretazioni strumentali di una certa parte della politica le lasciamo ad altri, peccato che spesso questo accade in Sanita’”.

Ad esprimersi sul ricorso (n. 219 2015 del registro generale) e’ stata la sezione staccata di Pescara (sezione prima) del Tar Abruzzo presieduta da Michele Eliantonio, consigliere Dino Nazzaro, consigliere estensore Alberto Tramaglini.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected] o .it". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Punto nascita Ortona: Febbo, Tar accoglie sospensiva"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*