Stella Maris: Sospiri chiama in causa D’Alfonso

Stella Maris: Sospiri chiama in causa D’Alfonso. Il grave stato in cui versa la Stella Maris di Montesilvano chiede con urgenza l’intervento delle istituzioni. Non si può lasciare in totale stato di abbandono una struttura simbolo dell’intero territorio di Montesilvano.

“Il Governatore D’Alfonso rifila l’ennesimo schiaffo istituzionale al Presidente della Provincia di Pescara Antonio Di Marco e affonda definitivamente il progetto di riqualificazione della Stella Maris. Nell’assoluto silenzio amministrativo il Presidente D’Alfonso ha infatti deciso di destinare i fondi Fas, 1milione di euro, inizialmente destinati al pontile del cielo, per la ristrutturazione del Teatro Michetti di Pescara, per il quale aveva già assegnato lo scorso maggio un ulteriore finanziamento di 973mila 603 euro sempre di fondi regionali Par-Fsc, lasciando in cantina, per l’ennesima volta, il completamento della Stella Maris. Il risultato sara’ che avremo due incompiute, visto che, nonostante i 2milioni di euro, comunque il Michetti non sara’ finito, e il tentativo di dare al sindaco piu’ inviso della storia di Pescara, Alessandrini, qualcosa cui legare la propria azione di governo, sara’ comunque fallito”.

Lo ha detto il capogruppo di Forza Italia alla Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri commentando la scelta del Governatore D’Alfonso di dirottare sul Michetti, anziche’ sulla Stella Maris, il milione di euro del pontile del cielo.

“Il Presidente D’Alfonso non si smentisce mai e continua con la politica dei piedi su due staffe – ha sottolineato il capogruppo Sospiri -. Dopo aver perso due mesi e mezzo di tempo dietro a un progetto inutile, copiato male e soprattutto incompatibile con le norme vigenti, quello del pontile del cielo in piazza Primo Maggio, dopo aver rimediato e dovuto incassare suo malgrado ben tre bocciature da parte delle Sovrintendenze abruzzesi che hanno fermato l’ennesimo scempio auto celebrativo su Pescara, pensavamo a una sua presa di coscienza e recupero di buon senso amministrativo. Abbiamo chiesto di ritrovare la lucidita’ della programmazione politica, e di decidere rapidamente come impiegare quel milione di euro di fondi Fas disponibili, che necessariamente devono essere oggetto di Obbligazioni giuridicamente vincolanti, ovvero devono essere impegnati con l’aggiudicazione di una gara d’appalto, entro il prossimo 31 dicembre per non andare persi. E un progetto gia’ pronto, confezionato, che attende solo di essere finanziato c’era, era quello della Stella Maris, un edificio storico che versa in condizioni pietose, che cade a pezzi, vittima dell’incuria e dei vandali e clochard che lo stanno distruggendo, e per il quale il Governo Chiodi-Sospiri aveva lasciato nel cassetto 1milione e mezzo di euro per la sua riqualificazione. Quella somma e’ stata poi ridotta a un milione di euro dal Presidente D’Alfonso e, infine, anche quel milione di euro e’ stato congelato”.

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Stella Maris: Sospiri chiama in causa D’Alfonso"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*