No Triv Abruzzo, Possibile chiede lumi a D’alfonso

No triv Abruzzo, Possibile chiede lumi a D’alfonso. Si inserisce nel dibattito politico anti-trivelle il comitato aquilano del movimento di Pippo Civati, Possibile.

In una nota diffusa oggi gli esponenti locali di Possibile invitano il presidente della Regione Luciano D’Alfonso a chiarire subito le reali volontà della Regione.

“Apprendiamo con sgomento e stupore che la Regione Abruzzo, contrariamente alle altre 9 Regioni che si sono mosse per i referendum contro le trivellazioni, non avrebbe intenzione di tutelare gli interessi dei propri cittadini. Dopo i provvedimenti farsa del governo, in chiusura d’anno, sui permessi di prospezione e sulle concessioni ed in attesa che la Corte Costituzionale si pronunci sul referendum la prossima settimana, la Regione Abruzzo decide di ritirare la delega per i referendum al professor Mangiameli”.

I componenti di Possibile annunciano che, dopo un’intera estate trascorsa a raccogliere oltre 2400 firme in provincia dell’Aquila (di cui 1800 solo a L’Aquila città e più di 9000 in tutta la Regione) per i quesiti referendari contro le trivellazioni a mare, continueranno a vigilare sulle evoluzioni future della questione e su eventuali colpi di mano.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "No Triv Abruzzo, Possibile chiede lumi a D’alfonso"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*