La Sen. Chiavaroli in visita nel Carcere di Chieti

Il Sottosegretario alla Giustizia, la Senatrice Federica Chiavaroli in visita alle detenute della Casa Circondariale di Chieti. Nel corso dell’incontro la rappresentante del Governo ha fatto omaggio alle detenute di una “Presentosa in 3D” un simbolo per testimoniare l’impegno contro la violenza sulle donne e per lanciare un messaggio di solidarietà verso l’universo femminile.

La Senatrice del NCD dopo aver fatto visita nelle sezioni femminile e maschile della Casa Circondariale, scambiando qualche beve battuta con alcuni ospiti, ha incontrato nella sala del teatro, alcuni detenuti, presentando le iniziative che intende intrapprendere per migliorare la qualità della vita all’interno delle carceri. Presenti all’incontro con il Sottosegretario, oltre alla Direttrice del Carcere, Giuseppina Ruggero, il Sindaco di Chieti Umberto Di Primio, il Prefetto Antonio Corona, il Magistrato di Sorveglianza, Maria Rosaria Parruti, il Comandante delle Guardie Penitenziarie, Alessandra Costantini e laPpresidente della Commissione Pari Opportunità della Regione Abruzzo, Gemma Andreini.

“Sono qui perche’ penso che la cosa piu’ utile che potessi fare alla vigilia dell’8 marzo, festa della donna, fosse visitare una delle due strutture carcerarie femminili in Abruzzo, per verificare la situazione”, ha affermato il Sottosegretario in apertura del suo intervento nella Casa Circondariale di Madonna del Freddo. “Sono qui per guardare, ascoltare ma anche per dire che, a nostro avviso, la vita delle detenute e dei detenuti deve migliorare perche’ chi e’ stato privato della liberta’ e’ gia’ stato privato del bene piu’ prezioso e quindi crediamo che in carcere il detenuto debba avere una vita ispirata il piu’ possibile a un principio di normalita’ e in questa direzione muoveremo le nostre azioni”. “Il carcere – ha aggiunto la senatrice Chiavaroli – deve aprirsi in modo che le persone che hanno commesso errori possano riflettere e capire che possono riparare e quindi riprendere una vita normale una volta fuori”. Chiavaroli ha poi accennato al simbolo della Presentosa (essenza della tradizione orafa abruzzese) da lei indossato nell’occasione, simbolo di una iniziativa promossa dalla commissione pari opportunita’ della Provincia di Teramo. “La Presentosa e’ un simbolo d’amore e oggi noi la doniamo alle detenute perche’ vogliamo con questo gesto far diventare la Presentosa anche un simbolo che rappresenti la lotta contro la violenza e che rappresenti anche tutte le donne che non solo hanno subito violenza ma che sono private della liberta’”. La senatrice ha poi annunciato due giornate di presentazione circa l’esito dei lavori in commissione sull’esecuzione penale. “Ci sono stati tavoli di lavoro che riguardano tutta la vita che si svolge in carcere e tutte le misure alternative al carcere e su questo lavoro organizzeremo le azioni future. Nel mese di marzo visitero’ anche il carcere di Teramo. Mi sono ripromessa nel piu’ breve tempo possibile di fare visita anche a tutti i palazzi di giustizia e le carceri abruzzesi perche’ voglio vedere con i miei occhi qual e’ la realta’ e che cosa si puo’ fare”.

 

Il Video:

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "La Sen. Chiavaroli in visita nel Carcere di Chieti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*