Consiglio Abruzzo: fumata nera per garante detenuti

Il Consiglio regionale, nella seduta odierna, ha approvato una serie di risoluzioni. Fumata nera, invece, per garante detenuti: Bernardini non eletta per soli 3 voti.

La prima riguarda il genocidio del popolo armeno ed esprime la piena solidarieta’ dell’Aula al popolo armeno in occasione del centenario del “Grande Male” e nella sua battaglia per la verita’ storica e per la difesa dei diritti umani. La seconda chiede al Governo nazionale e al Parlamento di assicurare e garantire le risorse necessarie ad assicurare le funzioni fondamentali delle Province, di consentire il completamento del processo di riordino delle funzioni amministrative delle Province e di eliminare i tagli previsti su Province e Regioni nel progetto di legge di stabilita’ nazionale. La terza, approvata su raccomandazione dell’Assemblea delle Conferenze Legislative, riguarda l’introduzione – nella normativa regionale – di elementi di programmazione energetica, sostenibilita’ dei trasporti, miglioramento della qualita’ dell’aria e riduzione delle emissioni di CO2. L’ultima impegna la Giunta a precisare presso il Miur che la sede dell’Istituto alberghiero “De Cecco” e’ individuata nella citta’ di Pescara. Respinta, invece, la risoluzione proposta dal M5S, che chiedeva l’adozione, entro 30 giorni, del piano regionale delle bonifiche. Niente da fare, nemmeno nella seconda votazione, per l’elezione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della liberta’ personale. La candidatura di Rita Bernardini si e’ fermata a 17 preferenze, non raggiungendo il quorum di due terzi previsto dal Regolamento. Successivamente sono state approvate una serie di modifiche alla normativa regionale sulle acque e gli scarichi degli impianti di depurazione delle acque reflue urbane, per adeguarle alle prescrizioni statali. Via libera, infine, alla proroga dei termini per la presentazione dei progetti per l’adeguamento delle infrastrutture sportive, ricreative e per favorire l’aggregazione sociale nella citta’ di L’Aquila e degli altri Comuni del cratere. I lavori si sono conclusi con l’approvazione di altre due risoluzioni: una che impegna la Giunta ad attivarsi affinche’ non sia possibile conferire incarichi professionali a parenti o affini entro il quarto grado; la seconda, invece, riguarda i Cup e impegna il Governo regionale a verificare la fattibilita’ di consentire la prenotazione telematica delle visite specialistiche direttamente dai medici di base, oltre alla riconsegna dei referti, sempre per via telematica.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Consiglio Abruzzo: fumata nera per garante detenuti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*