Acerbo su mare inquinato e oxystrong

mare1

Torna all’attacco della giunta Alessandrini, Maurizio Acerbo, su inquinamento del mare a Pescara, mancati divieti e questione oxystrong.

Acerbo torna a parlare del mare inquinato a Pescara e punta l’indice sulla mancanza di chiarezza da parte dell’amministrazione Alessandrini. Spiega di non avere comunicazioni in merito alle responsabilità della rottura della conduttura principale, interessata dal cedimento del tratto dell’asse attrezzato e che da Pasqua arrivano nel fiume, dunque nel mare, elementi non depurati.

Secondo Rifondazione Comunista, il disinfettante “Oxystrong” utilizzato non elimina tutti gli l’inquinanti, anzi, paradossalmente potrebbe coprirli. Acerbo chiama a un atto di responsabilità il sindaco Alessandrini affinché ottenga informazioni dai tecnici e dagli esperti sulla situazione del mare cittadino.
Il servizio:

 

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected] o .it". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Acerbo su mare inquinato e oxystrong"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*