Consiglio Abruzzo: i lavori della seduta di ieri

Consiglio Abruzzo: nella seduta di ieri, l’assemblea ha approvato il progetto di legge che autorizza la Giunta a contrarre mutui per un importo massimo di 100 milioni da rimborsare in 30 anni.

Il Consiglio Regionale, nella seduta di ieri, ha approvato il progetto di legge “Disposizioni urgenti per la sostenibilità finanziaria delle spese di investimento”, che autorizza la Giunta regionale a contrarre mutui per un importo massimo di 100 milioni di euro da rimborsare in 30 anni. Via libera anche al “Piano interventi a favore della famiglia 2015”, che prevede uno stanziamento di 450mila euro per la tutela della genitorialità, per il miglioramento della qualità della vita delle famiglie e delle donne, e per il sostegno psicologico e socio-assistenziale delle famiglie o gruppi in particolari situazioni di difficoltà. L’Assemblea ha poi approvato il bilancio di previsione 2016 del Consiglio Regionale, che prevede un fabbisogno finanziario di 24 milioni 893mila euro, proseguendo il trend in diminuzione che si registra ormai da anni. Rispetto al 2009 la riduzione è, in termini assoluti, di circa 9 milioni di euro.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Consiglio Abruzzo: i lavori della seduta di ieri"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*