Bussi, per il Pd bisogna pensare al territorio

bussi

Botta e risposta a distanza tra il sindaco di Bussi e il Pd sul futuro del sito industriale di Bussi: un commissario straordinario-dice il partito- non può durare all’infinito.

‘L’emendamento tanto contestato ultimamente, proposto nella Legge finanziaria del 2016 dal Responsabile Ambiente della Segretereria nazionale del PD e sottoscritto dai componenti della Commissione Ambiente e dall’On. Castricone – scrive la sezione del Pd di Bussi sul Tirino – non può continuare ad essere strumentalizzato dall’Amministrazione locale, utilizzandolo come pretesto per omettere ben altre difficoltà e criticità di questo complicato processo’. ‘Un Commissario straordinario – scrive il partito in una nota- non può durare all’infinito, è opportuno che si torni alla gestione ordinaria. Dubbi e perplessità rimangono, invece, su due aspetti in particolare: quello relativo al passaggio delle aree al Comune di Bussi e quello che ipotizza in quel sito l’insediamento di una azienda farmaceutica, ‘dubbi – dice il Pd di Bussi – condivisi anche dal Sindaco’. ‘Per l’insediamento produttivo, saremmo, comunque, felici se fossimo smentiti, perchè significherebbe che l’Amministazione, la quale ha i numeri di maggioranza consiliare per realizzare ciò in cui crede, ha mantenuto le sue promesse, ovvero  400 posti di lavoro’.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Bussi, per il Pd bisogna pensare al territorio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*