Aumento Ticket, non in Abruzzo

Nessun aumento dei ticket sanitari in Abruzzo per il 2016, piuttosto una loro eventuale rimodulazione in base ai redditi dei cittadini-pazienti.

A scongiurare qualsiasi aumento dei ticket sanitari nella nostra regione, almeno per il 2016, è l’assessore Silvio Paolucci che lo promette a tutti gli abruzzesi dal microfono del Tg8. E’ nelle pieghe della legge di Stabilità 2016 che si celano possibili aumenti per quanto riguarda i ticket sanitari, segnatamente in otto regioni italiane. A mettere in guardia sull’aggravio dei costi per la Sanità pubblica sono stati proprio gli enti locali. Sono 8 le Regioni in Piano di rientro dal disavanzo della spesa sanitaria e per le quali presidenti e giunte potrebbero anche valutare un aumento dei ticket, oltre a quello delle addizionali Irpef e Ires previsto ‘in automatico’ dalla legge proprio nei casi di disavanzo sanitario. Tra queste 8 regioni c’è anche l’Abruzzo per i cui cittadini contribuenti, tuttavia, non vi sarebbe all’orizzonte nessun aumento dei ticket.

“Piuttosto –  secondo Paolucci – si potrebbe cominciare a ragionare su tariffe  modulate a seconda dei redditi”.

Una Regione modello Robin Hood, insomma, che vorrebbe far pagare di più ai ricchi e meno ai poveri laddove ad oggi tutti pagano indistintamente lo stesso ticket per la stesa prestazione sanitaria a prescindere dai redditi dichiarati.

Servizio sui ticket sanitari in Abruzzo. L’assessore Paolucci assicura che non aumenteranno:

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Aumento Ticket, non in Abruzzo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*