Agricoltura in Regione, Febbo alla Corte dei Conti

febbo-mauro

Mentre la Direzione Politiche agricole chiede di implementare il poco personale, numerose unità del dipartimento vengono trasferite. L’accusa di Febbo.

‘Se non fossero messi a rischio i fondi europei a disposizione degli agricoltori, quella che è in corso all’interno della Direzione Politiche agricole sembrerebbe una barzelletta. Purtroppo, però, non c’è niente da ridere – è l’accusa di Mauro Febbo, Presidente della Commissione di Vigilanza – e l’amara realtà in questo caso supera la fantasia mostrandoci un quadro disastroso soprattutto per le tasche degli abruzzesi e del comparto agricolo. Ma del resto- incalza Febbo- la gestione D’Alfonso fatta di riorganizzazioni (mancate) e rivoluzioni (annunciate) ci sta regalando solo ed esclusivamente delusioni e danni come in questo caso’. Veniamo a quanto denunciato da Mauro Febbo: mentre i tecnici agronomi vengono ‘traslocati’ altrove per svolgere ben altre mansioni, il direttore del dipartimento chiede da tempo ad Agea di mettere a disposizione il personale a pagamento della società Sin per poter completare, nei tempi stabiliti, le obbligatorie operazioni di controllo amministrativo per scongiurare la paralisi dell’intero settore’. E se in qualità di Presidente della Commissione di Vigilanza, Febbo chiede l’intervento della Corte dei Conti, ‘il risultato – conclude l’esponente di Forza Italia – è una situazione assurda, cervellotica, insensata, fuori da ogni logica’.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Agricoltura in Regione, Febbo alla Corte dei Conti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*