Pescara, Faraone tra emergenze e investimenti

davide_faraonedavide_faraone

‘Da un lato gestire la situazione esistente fronteggiando ipotetiche emergenze, dall’altro realizzare in ogni regione italiana delle ‘scuole pilota’: così il sottosegretario al Miur, Davide Faraone oggi a Pescara.

Quasi quattro miliardi di euro per le emergenze e 300 milioni per  le ‘scuole pilota’: ‘Non bisogna rassegnarsi al fatto di dover gestire l’emergenza e basta, occorre al tempo stesso programmare il futuro’. Così il sottosegretario al Miur, Davide Faraone, a margine del convegno ‘Scuole innovative – Abruzzo 3.0’ in corso a Pescara. ‘La scuola italiana – ha sottolineato Faraone – sta cambiando radicalmente, ma nel rispetto di un patrimonio  importantissimo in questo Paese. Abbiamo già una classe docente, dirigenti scolastici, personale amministrativo che sono all’altezza, noi li stiamo solo dotando di strumenti migliori per fare bene. Abbiamo aggiunto 3,5 miliardi di euro per la didattica, abbiamo potenziato il numero di insegnanti’. Quanto agli edifici scolastici e l’architettura scolastica, il sottosegretario ha ribadito che ‘devono essere assolutamente coerenti con il percorso innovativo introdotto dalla 107. Non più scuole con caratteristiche a cui siamo abituati, con quei grandi corridoi e con quelle grandi aule, ma scuole che siamo coerenti rispetto alla flessibilità curricolare introdotta con la legge’.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Pescara, Faraone tra emergenze e investimenti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*