Scuola: sit-in docenti “Nastrini Liberi” in Abruzzo

docenti-sitin1

Sit-in nei quattro capoluoghi abruzzesi, dei “nastrini liberi” per chiedere il “rientro di tutti i docenti che la Buona Scuola ha dirottato e sparpagliato sul territorio nazionale” e attenzione soprattutto sul sostegno.

“Un disagio e un’emergenza soprattutto del Sud”, sostengono i Nastrini Liberi Uniti, che hanno manifestato, questa mattina nella nostra regione, davanti agli uffici scolastici. I docenti chiedono che la politica “si faccia carico di un problema che interessa non solo gli insegnanti del Mezzogiorno e la scuola, ma tutto il Paese perché si torni ad avere nella scuola pubblica pari dignità e uguaglianza tra gli insegnanti che non potranno più realizzarsi fino a che le ingiustizie subite non verranno sanate”.
I docenti chiedono un piano di rientro definitivo da realizzare entro la fine del prossimo anno scolastico per tutti coloro che sono stati assunti fuori dalla propria regione. “La trasformazione di tutti i posti in organico di fatto, non stabili ma necessari alla scuola ogni anno e dei posti in deroga sul sostegno in posti di diritto, cioè stabili”.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Scuola: sit-in docenti “Nastrini Liberi” in Abruzzo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*