Riviera Pescara. Acerbo denuncia “Nuovo scempio”

Sulla riviera di Pescara si riapre lo spazio per un nuovo scempio urbanistico nell’ambito del Piano Particolareggiato 2 vicino all’Ex Cofa. Lo afferma l’esponente nazionale di Rifondazione Comunista Maurizio Acerbo.

“Non è bastato” -ha spiegato- “scongiurare nella precedente consigliatura comunale l’autorizzazione di tre edifici alti 21 metri sulla riviera Sud. Adesso il progetto rientra… dalla finestra. In Parlamento è passata una norma alla chetichella che rilancia l’operazione”

L’intervista ad Acerbo nel video

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Riviera Pescara. Acerbo denuncia “Nuovo scempio”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*