Prefetture Abruzzo, soppresse Chieti e Teramo

Il segretario deol Pdl, Angelino Alfano, durante la trasmissione ''Porta a Porta'', Roma, 13 novembre 2012. ANSA/GIUSEPPE LAMI

Clamorosa decisione del Ministero dell’interno: Alfano sopprime due Prefetture in Abruzzo, Chieti e Teramo, accorpate a Pescara e L’Aquila. Via anche le questure e i comandi dei Vigili del Fuoco.

Sono due le province abruzzesi tra le 23 per le quali il Governo ha avviato ieri il progetto di accorpamento di Prefetture, Questure e comandi dei Vigili del fuoco.

Le reazioni nazionali

Contro il decreto insorgono i sindacati Fp-Cgil, Cisl-Fp e Uil-Pa, che hanno subito chiesto un incontro urgente al ministro dell’Interno, Angelino Alfano. “In un momento di massima emergenza in materia di gestione dell’immigrazione e della sicurezza – attaccano – il governo pensa di chiudere 23 prefetture. Un arretramento inaccettabile dello Stato dal territorio, che rischia di lasciare nel caos cittadini e lavoratori”. Le organizzazioni annunciano quindi una mobilitazione per contestare il provvedimento. “Martedì 22 settembre – informano – faremo assemblee in contemporanea in tutte e 23 le prefetture a rischio chiusura, invitando parlamentari e politici locali e sensibilizzando organi di informazione, opinione pubblica e cittadini”.

Per le notizie e le reazioni più approfondite su Chieti clicca qui

Per le notizie e le reazioni più approfondite su Teramo clicca qui

 

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Prefetture Abruzzo, soppresse Chieti e Teramo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*