L’Aquila, domani il Consiglio sul Decreto Lorenzin

EmicicloEmiciclo

L’Aquila, domani il Consiglio sul Decreto Lorenzin. La seduta straordinaria dell’assise regionale convocata per discutere delle conseguenze sul sistema sanitario regionale.

Potrebbe essere una seduta rovente quella convocata a L’Aquila per domani, martedì 13 ottobre, a Palazzo dell’Emiciclo. Il consiglio regionale straordinario, convocato per le ore 11, si occuperà infatti del controverso recepimento del decreto del ministro della sanità, Beatrice Lorenzin. Nel pomeriggio i lavori conciliari proseguiranno in seduta ordinaria, con l’esame di alcune interpellanze all’ordine del giorno. Tra queste figurano: “O.P.G. e borse lavoro malati psichici” (presentata da Domenico Pettinari, del Movimento 5 Stelle); “Compenso Direttore generale della Regione Abruzzo” (interpellanza di Mauro Febbo, Forza Italia); “Situazione rapporti commerciali Saga-vettori low cost” (Smargiassi, M5S); “Chiarimenti mancata partecipazione al tavolo di mediazione lodo SEVEL – ERGO UAS dei responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione Ambienti di Lavoro – Asl 2 Lanciano-Vasto-Chieti su convocazione della Direzione Territoriale del Lavoro Chieti-Pescara” (Marcozzi, M5S). Esaurite le interpellanze, l’assemblea regionale discuterà due risoluzioni, una sul genocidio del popolo armeno e un’altra sull’adozione del piano regionale delle bonifiche. Saranno inoltre presi in esame i progetti di legge sulla gestione dei corsi d’acqua, sul riordino delle funzioni amministrative delle Province, sulle procedure di assegnazione e vendita dei terreni agricoli del Fucino provenienti dalla riforma fondiaria, sul riconoscimento dell’agricoltore come custode dell’ambiente e del territorio. I lavori si chiuderanno con la votazione dell’autorizzazione all’Ater di Chieti per l’utilizzo dei proventi derivanti dalla vendita di alloggi e con l’elezione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, domani il Consiglio sul Decreto Lorenzin"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*