Pescara Novara, parola ai protagonisti

Pescara Novara, ancora errori difensivi per i biancazzurri. Così, il Novara vince all’Adriatico per 2 a 1 infliggendo il terzo ko di fila al Delfino.

Per l’11 di Oddo settima partita senza vittorie, è crisi. La squadra dell’ex Baroni, invece, conquista la terza vittoria consecutiva.

Le parole dei protagonisti:

Caprari:

“Dobbiamo ritrovare serenità, non siamo questi. La squadra si esprime bene, oggi ha dimostrato tantissimo. C’è un problema ma è di tutti, sia difensori che attaccanti. Prima ne usciamo è meglio è. Dobbiamo invertire questa rotta. Siamo preoccupati, non vinciamo da sette partite.

Sebastiani:

“È un periodo che fa così, il Pescara gioca e fino all’ultimo minuto. Quello che prima andava bene, oggi va male. Sbagliamo in attenzione là dietro. In campo c’erano giocatori validi, io non recrimino sulle assenze. Mazzotta? Noi a Gennaio dovevamo solo prendere giocatori in più che servivano all’occorrenza, altrimenti la squadra andava bene. Se la tribuna aiutasse senza fischiare sarebbe meglio. Non ho visto cosa abbia fatto Mazzotta, se ha fatto qualcosa ha sbagliato.”

Oddo:

“Oggi abbiamo creato, c’è fragilità difensiva. È un momento così. Ci sarà da lottare fino alla fine, non abbiamo nulla da invidiare alle altre squadre. Siamo stati più equilibrati oggi, due palle cadute in area e abbiamo preso due gol. C’entra anche il fatto che loro si sono messi 5-4-1, diventa difficile. Ci auguriamo che a Crotone ci saranno ritorni in difesa, ma ci dobbiamo attaccare a noi stessi, non a quello che succede. I ritiri non servono a nulla, anzi possono essere deleteri. I fischi verso Mazzotta? Lui ha sbagliato a rispondere, dovrà chiedere scusa. Poi, la tribuna di Pescara non è mai stata molto morbida, ma anche quello fa parte del calcio. La curva è sempre quella che sostiene, sulla tribuna in questo momento non si può contare”

Baroni:

“Il Novara ha fatto una buona partita, abbiamo costruito la prestazione. Un successo meritato perché anche la tenacia e l’ordine aiutano. Noi siamo stati costruiti per salvarci, stiamo facendo bene e ci godiamo i punti che abbiamo fatto. Sono orgoglioso. Mi aspettavo un Pescara che poteva perdere qualcosa dal punto di vista della fiducia, anche se il Pescara ha qualità offensive uniche in Serie B. Nessun altro sentimento!”

Bruno:

“Abbiamo perso un’altra partita e non ci voleva. Piccoli momenti di amnesia di condannano. Dobbiamo allenarci con più ferocia e grinta, non conosco altre medicine. Siamo sereni, non siamo preoccupati, pecchiamo di mancanza di attenzione. A Crotone loro saranno arrabbiati, ma noi dovremo esserlo ancora di più per tornare alla Vittoria”

Clicca qui per la web cronaca della partita

Qui per il commento

Sii il primo a commentare su "Pescara Novara, parola ai protagonisti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*