Pescara Novara: la vigilia di Oddo

Pescara Novara. Big match della trentunesima giornata. Entrambe sono appaiate al terzo posto. Biancazzurri a secco di vittorie dallo scorso 30 gennaio. Parola a Oddo

“Recuperiamo solo Memushaj. Crescenzi, Campagnaro out. Verrebbe più no che si. Coda è disposizione. L’ho visto molto meglio dal punto di vista atletico. Gioca Vitturini a destra. Al centro; di certo Fornasier ed uno tra Coda e Zuparic. Devo decidere. Vietato perdere. Non dobbiamo sbilanciarci. È chiaro che cercheremo la vittoria ma senza correre rischi. Ci vuole esperienza. Bruno dal primo minuto. Mezz’ala Torreira? Perché no. Può ricoprire il ruolo senza problemi. Fiorillo è il nostro portiere titolare, ma voglio capire se è sereno. Ci parlerò e poi deciderò. Qualche piccolo errore lo ha commesso. Devo capire se per mera casualità o per mancanza di serenità. Contro il Novara dovremo essere furbi, ovvero non sbilanciarci, ma essere equilibrati. Sorpresa il Novara? Non scherziamo. È un ottimo complesso credo allestito per centrare almeno i play off. So che tra Baroni e l’ambiente non è mai scoccata la scintilla. È molto bravo e preparato. Può capitare di vivere stagioni così ma rimane un ottimo tecnico. Lo sta dimostrando. Io con lui ho avuto sempre un rapporto sincero. C’è stata parecchia disponibilità da parte mia, così come da parte sua. Partita della verità? Questo è un bivio importante. Dobbiamo tornare a fare punti. Difendere il terzo posto. Il rammarico c’è. Si respira un clima amaro, ma è la normalità. Non mi piacciono gli eccessi. Sono, tuttavia, molto sereno”.

Sii il primo a commentare su "Pescara Novara: la vigilia di Oddo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*