Pescara calcio, parla Sebastiani

Pescara calcio. Esposito saluta. Repetto “Non c’è meritocrazia. Lo avrei tenuto. È una sconfitta di tutti”. La replica di Sebastiani.

Così il Presidente del club biancazzurro

“Nel momento in cui si fanno delle scelte tecniche, ritengo che la meritocrazia non c’entri proprio nulla. Significa che abbiamo dato la possibilità ad altri calciatori meno capaci di Esposito di giocare ? Guardando il reparto offensivo non mi pare proprio. Esposito non è stato aiutato dalla buona sorte. Ha subito un paio di infortuni, soprattutto quello alla spalla, che lo hanno tenuto fuori senza avere la possibilità di dimostrare le sue qualità. La lista dei 18 over 21 non l’ho stabilità io. Ci sono delle regole. Di conseguenza, il tecnico ha fatto delle scelte. Esposito ha 27 anni. È stato penalizzato, purtroppo, ripeto, dagli infortuni e dall’età. Capisco che Giorgio ( Repetto) sia rammaricato. Ma lo sono anche io quando si decide di lasciare fuori qualcuno. Non so se ora toccherà a Vukusic( in questo caso nella lista verrebbe ripescato Bruno attualmente sotto squalifica). Saranno tecnico e direttori a prendere la decisione. Giorgio dice che si tratta di una sconfitta per tutti ? Io rispondo che le sconfitte sono altre. Il problema non è legato al solo Esposito, ma a tutti quei ragazzi che oggi sono con noi( Pesoli e Grillo, ma di fatto sono ai margini perché non rientrano nella famosa lista dei 18 over 21. Non è che io porto un giocatore, Giorgio un altro, Pavone un altro ancora. Bisogna ragionare al plurale. Se in generale, le cose non vanno come dovrebbero, in questo caso le colpe andrebbero equamente divise. Parlando, invece, del bruttissimo esordio in campionoato, mi aspetto una decisa e convincente reazione. Dobbiamo rialzare subito la testa. Se devi prendere uno schiaffo, meglio subito. Mi auguro che la figuraccia sia stata salutare per capire il livello del torneo. In serie B, non si può prescindere dalla sostanza e, soprattutto, dalla cattiveria agonistica”.

Tutto vero, per carità, ma a preoccupare maggiormente è stata la grande fragilità difensiva già, peraltro, manifestata dalla squadra nel corso del precampionato. A prescindere dalle numerose assenze denunciate a Livorno.

 

1 Commento su "Pescara calcio, parla Sebastiani"

  1. ..ma scusate!.. si è arrivati a “rescindere” con Esposito con quello che io personalmente ritengo chiaramente un pretesto (di cui spiegherò gli aspetti), invece di tenerlo, piazzando altri giocatori alle squadre derogate per la nota vicenda e per le ripescate (un nome a caso, il Teramo con cui il presidente ha evidenti rapporti di amicizia!), oppure in alternativa, al fine di conservare il contratto con il giocatore a futuro utilizzo, cederlo per un anno allo stesso Teramo, evitando così al ragazzo il triste ritorno da svincolato nei dilettanti!!..(quasi un incubo per lui!)..
    Non comprendo la ratio!.. Si è preferito dare al Teramo dei ragazzi (utili a noi, perchè ottimi e non vincolati alla famigerata lista!), invece di sistemare magari Esposito e qualcun altro (Bruno è squalificato e mancherà ancora per molto tempo, è un elemento che blocca la lista e francamente se ne poteva tranquillamente fare a meno, visto che per un bel po’ non lo possiamo nemmeno utilizzare..incredibile!!!..)..
    Per me Repetto ha ragione da vendere!!.. sul fatto poi che Caprari sia superiore a Esposito, come ha detto il Presidente, beh, meglio stendere un velo pietoso!..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*