Pescara calcio. Parla Oddo

ODDO-ALLENATORE

Pescara calcio. Vigilia del match col Perugia. Sarà anche il debutto davanti ai tifosi biancazzurri. Le parole di Massimo Oddo.

“Mi assumo tutte le responsabilità. Dopo la pessima prestazione di Livorno, alla mia squadra non ho detto nulla di particolare. C’è una sola cosa da fare: reagire. Le chiacchiere stanno a zero. Mi dispiace, però, passare per presuntuoso. Non ho detto “Andiamo a Livorno a vincere, ma per vincere”. Sono due concetti diversi. L’obiettivo, infatti, è cercare di creare una mentalità sempre propositiva e soprattutto di gruppo”.

Sulle polemiche( dichiarazioni di Repetto cui ha replicato il Presidente Sebastiani) legate all’esclusione di Esposito che ha risolto il contratto, il tecnico biancazzurro precisa

“Una cosa deve essere chiara a tutti. La scelta è mia e non è stata mai condizionata. Altrimenti mi sarei dimesso. Nessuno può interferire. Ho fatto delle valutazioni in base alle quali ho preso una decisione. Sull’argomento, posso dirvi che Bruno farà parte, invece, della lista dei 18 over 21. Ha esperienza, carattere, personalità, oltre ad essere un giocatore che ci potrà dare una mano. Il gruppo è molto giovane. Ha bisogno di gente di temperamento. Quando ero nel Milan calciatori come Gattuso o Maldini erano una guida per tutti. Su Vukusic non è stata ancora presa una decisione. Ci sono ancora una decina di giorni a disposizione. È una rosa, ripeto, rinnovata quasi ex novo e ringiovanita. C’è bisogno di tempo. Domani saranno indisponibili Fiorillo, Sansovini, Forte e Campagnaro. Rientrano praticamente tutti. Memushaj sta bene. Cocco supererà i comprensibili timori legati all’infortunio patito al braccio. A prescindere dall’undici che sceglierò, c’è bisogno di gente con le palle”.

 

 

Sii il primo a commentare su "Pescara calcio. Parla Oddo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*