Pescara calcio, non si può più sbagliare

Pescara calcio. Grave ko. I numeri impietosi del dopo Zeman : appena 3 punti in 8 partite. Da oggi in poi, non si potrà più sbagliare.

Pescara calcio

Nel video, scheda Pescara – Il punto

Al cospetto dell’ultima della classe, la Pro Vercelli che in casa non vinceva dal 27 gennaio, totalmente fallito l’approccio. Squadra molle, soprattutto sorpresa dall’avvio deciso dei piemontesi. Dalla parte di Crescenzi, subito espulso, Bifulco è stato devastante. Per contro, scelte illuminate da parte di Grassadonia che, a distanza di 4 mesi, ha rispolverato il 4 – 3 – 3 col chiaro intento, peraltro riuscito, di giocarsi la partita sugli esterni, soprattutto con Bifulco che prima ha messo in crisi, appunto, Crescenzi comunque ingenuo, poi Balzano subentrato a Mancuso. Ciò malgrado, biancazzurri capaci di riequilibrare le sorti del match, di rendersi insidiosi nella ripresa con Falco ( prodezza dell’ex Pigliacelli ) e Machin, ma anche di sciogliersi e buttarsi via nel finale. Ancora una grave disattenzione su una palla lenta, di facile lettura, crossata a centro area, così come avvenuto nel match col Bari. Al 90′ il tris della Pro con lo stesso Raicevic entrato in corso d’opera, di fatto decisivo. E nel recupero, Fiorillo ha scongiurato un passivo ben più pesante. Sono 60 i gol finora subiti dal Pescara che a questo punto non può più permettersi il lusso di sbagliare. Grazie ai risultati delle dirette concorrenti, i biancazzurri conservano ancora un punto di vantaggio sulla zona play out. Domenica alle 17,30 lo Spezia all’Adriatico, quindi 4 spareggi salvezza contro Ternana ( fuori ), Cesena ( martedì 1 maggio in casa ), Novara in trasferta e Ascoli all’Adriatico. Ultima di campionato a Venezia.

2 Commenti su "Pescara calcio, non si può più sbagliare"

  1. Tino La Vecchia | 18/04/2018 di 11:47 | Rispondi

    Subito dopo il licenziamento di Zeman avevo mandato un commento anticipando quello che sarebbe successo. A troppe persone era sfuggito lo straordinario lavoro fatto dall’allenatore boemo. Si stanno piangendo le conseguenze di una scelta immotivata (la squadra era a 2 punti dai play off con una gara in meno). Mi auguro che il Pescara riesca ad evitare la retrocessione in serie C, ma è inutile nascondersi e fare finta di niente: il pericolo esiste ed è concreto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*