Pescara calcio, la salvezza al termine di una stagione…

Pescara calcio. La salvezza dopo gli orrori di una stagione impostata, vissuta e continuata senza alcuna logica. Pillon ha rivitalizzato la squadra nella fase più critica ma la sua conferma rimane un punto interrogativo.

Pescara calcio

Nel video, scheda Pescara – Il punto dopo la salvezza

I biancazzurri chiudono il campionato al sedicesimo posto con 48 punti alle spalle di Brescia e Cremonese. Il peggiore torneo di B del Delfino dal 2010 – 11. Questo lo score : 11 vittorie, 15 pareggi, 16 sconfitte, 50 gol fatti, 64 subiti. Quarta difesa più perforata. Peggio hanno fatto Foggia ( 68 ), Pro Vercelli ( 70 ), e Ternana ( 77 ). Prima dell’ esonero, Zeman aveva conquistato 36 punti in 28 partite facendo il massimo con poco. Appena 12 nelle successive 14 gare con Epifani ( 1 punto in 5 partite ) e Pillon ( 11 punti in 9 sfide ). Questi i numeri che, in quanto tali, sono inconfutabili e rappresentano delle certezze. Tutto il resto, certo, è opinabile. Pillon ha avuto l’indubbio e significativo merito di rivitalizzare la squadra e il buon senso di ripartire dal parecchio di buono lasciato dal boemo : sistema di gioco e preparazione atletica. Naturalmente, il tecnico di Preganziol ci ha messo anche del suo trovando, per esempio, la quadra a centrocampo e migliorando la qualità del gioco. Il tutto reso possibile da un clima di serenità, imprescindibile per il lavoro di qualsivoglia allenatore. Pillon meriterebbe, senza se e senza ma, la conferma. Sarebbe la scelta più logica al termine di una stagione nella quale, come già scritto e più volte ribadito, di logico, purtroppo, non c’è stato proprio nulla.

1 Commento su "Pescara calcio, la salvezza al termine di una stagione…"

  1. Tino La Vecchia | 19/05/2018 di 19:26 | Rispondi

    Certo Pillon meriterebbe la riconferma, ma Zeman meriterebbe le scuse da parte di tutti coloro che lo hanno contestato (Sebastiani per primo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*