Pescara calcio – Equilibrio e carattere. Fondamentale muovere la classifica

Pescara calcio. Rimpianti sì ma poteva andare anche peggio. Super Kastrati ha evitato la beffa. Pari giusto. Contro la Cremonese il quinto in altrettante sfide. Fondamentale muovere la classifica. Avversario ispido. Partita non facile. Per questo, prova di sostanza, equilibrio e carattere.

Continuità di risultati che in serie B paga sempre. A dire il vero, non una partita da tramandare ai posteri. Intensa sì, ma soprattutto fisica e muscolare. In sintesi, Pescara e Cremonese si sono annullate. Non era una gara semplice sia dal punto di vista tecnico ( spazi ridotti al minimo – tanta densità ), sia sotto il profilo fisico. I biancazzurri ne sono venuti fuori bene. Una prova per questo di carattere e diligente.

Non sempre si può essere brillanti. L’assenza di Palmiero, unico regista di ruolo presente in organico, soprattutto in grado di scandire i tempi, si è fatta sentire. La difesa a 3 ha funzionato. Non ci sono state controindicazioni. Su tutti Drudi, senza dubbio tra i migliori. Non benissimo nel primo tempo Bettella, poi uscito con la consueta autorevolezza alla distanza.

Si potrà discutere all’infinito sul cambio di sistema di gioco. Magari la scelta non avrà convinto del tutto, ma non ci sarà mai la prova contraria. Una cosa è certa. Ci sono anche gli avversari che vanno studiati e, soprattutto, limitati. Il Pescara ha dimostrato di poter utilizzare più moduli. La difesa a 3 resta e si conferma un’opzione valida. Assai diversa nell’interpretazione, questo sì, rispetto alle sfide contro Ascoli e Spezia.

A fare, insomma, la differenza è sempre l’atteggiamento. Che è particolarmente piaciuto dopo il vantaggio firmato da Galano, complice il clamoroso infortunio di Agazzi. Mancavano pochi minuti alla fine. La squadra non si è affatto abbassata continuando, invece, a pressare alto. Segno di una mentalità profondamente cambiata. L’episodio del pareggio non cambia di certo il giudizio.

In sintesi, nella partita di ieri, la squadra di Zauri ha usato anche e soprattutto la testa. Non è un dettaglio.

Sii il primo a commentare su "Pescara calcio – Equilibrio e carattere. Fondamentale muovere la classifica"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*