Pescara calcio, d’obbligo reagire

PESCARA, ITALY - AUGUST 02: Gianluca Lapadula of Pescara celebrates after scoring the opening goal during the preseason friendly match between Pescara Calcio and US Sassuolo Calcio at Adriatico Stadium on August 2, 2015 in Pescara, Italy. (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)

Pescara calcio. Biancazzurri reduci da due sconfitte di fila, ma decisi a a risalire la china. Ci sono mezzi e presupposti anche se a Como sarà emergenza.

Lontano dal pubblico amico il Pescara ha collezionato tre sconfitte( Livorno, Ascoli, Novara) e ottenuto una sola ma splendida vittoria sul campo del Trapani. Due i pareggi sul campo del Bari e su quello del Vicenza. Nel prossimo turno (domenica ore 15) altra trasferta per la squadra di Massimo Oddo che deve rinunciare a ben sei elementi( i “nazionali” Mandragora, Verre, Memushaj, lo squalificato Fornasier, gli infortunati Bunoza e Bulevardi). Permane il dubbio Campagnaro. Il difensore argentino può rientrare a condizione che non rischi una nuova ricaduta al polpaccio. Infortunio che risale al finale della scorsa stagione quando Campagnaro ha indossato la maglia dell’ Inter. Tra oggi e domani, il quadro sarà più chiaro. Il centrale sudamericano proverà a forzare. Due le alternative: Fiamozzi o Bruno. In vantaggio l’ex Varese.

Decisioni giudice sportivo: a parte le squalifiche per Fornasier e del nazionale Mandragora, al Pescara è stata inflitta un’ammenda di 5000 euro. Questa la motivazione:

“A titolo di responsabilità oggettiva, per avere omesso di impedire la presenza negli spogliatoi di un collaboratore, non presente nella distinta di gara, che rivolgeva all’arbitro epiteti insultanti”.

Sii il primo a commentare su "Pescara calcio, d’obbligo reagire"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*