Pescara calcio. Ajeti, dentro o fuori

Pescara calcio. Entro la giornata di oggi la risposta di Ajeti. Il Delfino può chiudere per Macheda. Si avvicina Stendardo. Arriverà anche Di Massimo.

Entro questa sera la risposta del difensore centrale albanese Arlind Ajeti, classe ’93, ex Frosinone, attualmente svincolato. Filtra ottimismo. Chiaro, non più tardi di due giorni fa, il Presidente Sebastiani

“La risposta entro domenica. Non aspetteremo un giorno di più”.

Ulisse Savini, uno degli intermediari italiani del calciatore, si è detto fiducioso. Questa la proposta del Pescara: 4 anni di contratto inclusa la clausola rescissoria in caso di retrocessione in serie B.

Sempre calda la pista Stendardo che non è alternativa ad Ajeti. Il trentacinquenne centrale napoletano assistito da Alessandro Moggi, è in uscita dall’Atalanta. A differenza dello scorso gennaio, questa volta l’operazione dovrebbe concretizzarsi.

Memushaj. C’è la volontà di tenerlo. Il trentenne capitano albanese è la vera anima della squadra. La società potrebbe vacillare solo se arrivasse un’offerta importante ,comunque, non inferiore ai 4 milioni di euro.

Attacco: non una novità l’interesse per Federico Macheda, attaccante romano di 25 anni, cresciuto nella Lazio, ex Manchester United, Qpr, Birmingham City, Stoccarda, Sampdoria, lo scorso anno girato in prestito al Nottingham Forest dal Cardiff City. Il Pescara può prenderlo. L’ex nazionale under 21 che in Premier League riuscì a segnare al debutto a soli 17 anni nel 2009 ( Manchester United -Aston Villa), gettato nella mischia da Sir Alex Ferguson, ha manifestato l’intenzione dopo una lunghissima esperienza in Inghilterra, di tornare in Italia. Pescara in pole position.

Infine il Delfino ha bloccato l’attaccante di Torano Alessio Di Massimo, classe ’96, che la Juventus ha deciso di non riscattare. L’ex Avezzano che da gennaio a giugno ha giocato nella “primavera” bianconera di Fabio Grosso è tornato in quota al Sant’Omero. Il club biancazzurro lo girerà in prestito. Piace al Teramo. Pescara interessato anche ad alcuni giovani del Lanciano. A proposito del club rossonero, per l’iscrizione al campionato di Lega Pro, serve una ricapitalizzazione pari a circa 1.5 milioni di euro, imprescindibile per rientrare nei parametri stabiliti. Il tempo stringe. Situazione da sistemare entro il 7 luglio. Iscrizione a rischio ?

Sii il primo a commentare su "Pescara calcio. Ajeti, dentro o fuori"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*