Calciomercato Pescara, per Melchiorri nessun passo avanti

Calciomercato Pescara. Sempre complicata la trattativa col Cagliari per il ritorno di Melchiorri. Il club sardo chiede 1 milione per il cartellino dell’attaccante senza considerare l’ostacolo contratto. Si stringe per Tutino ma a decidere sarà il Napoli. Fornasier verso Livorno. Oggi nuovo vertice col Genoa che vuole Kanoutè.

Calciomercato Pescara

Melchiorri. Al momento sembrano in vantaggio Cremonese e Perugia. I lombardi sarebbero disposti a tirar fuori circa 500 mila euro per il cartellino. E  poi c’è l’ostacolo contratto a cifre proibitive per le casse biancazzurre : circa 700 mila euro sino alla scadenza naturale del 30 giugno 2019. Nessun incentivo economico da parte del Cagliari.

Tutino. C’è il gradimento dell’attaccante, ma sarà il Napoli a decidere.

Oggi a Milano, nuovo vertice col Genoa. Il club ligure vuole Kanoutè. Il Pescara spinge per l’attaccante spagnolo Raul Asencio, classe ’98, lo scorso in B ad Avellino.

Brugman. Sebastiani chiede 5 milioni di euro. Ulteriore tentativo con la Sampdoria che sul piatto ha messo diversi giocatori tra cui Leonardo Capezzi, ex Crotone e Varese classe ’95, scuola Fiorentina. Per la B sarebbe un gran colpo, a dire il vero, già trattato senza esito lo scorso gennaio.

 

Sii il primo a commentare su "Calciomercato Pescara, per Melchiorri nessun passo avanti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*