Brugman “Pescara è la mia città. Mai pensato di andare via”

Brugman. Così il capitano “Pescara è la mia città”. Sabato al “Rigamonti” di Brescia. Assenze da una parte e dall’altra. Out anche Capone. Le ultime

Alle defezioni di Balzano, Crecco, Palazzi e Scalera, bisogna aggiungere quella di Capone che ieri ha rimediato un infortunio alla caviglia. Sarà valutato nelle prossime ore. Dopo la squalifica, torna a disposizione Marras. Scalpita Machin.

Il probabile 11 : Fiorillo tra i pali; Ciofani, Gravillon, Campagnaro e Del Grosso in difesa; a centrocampo Memushaj, Brugman, uno tra Melegoni e Machin; davanti, il tridente Mancuso – Cocco – Antonucci

Brescia privo degli squalificati Gastaldello, Sabelli e dell’infortunato Edoardo Lancini. Ha recuperato Tonali. Non al meglio, Morosini partirà dalla panchina. Sistema di gioco 4 – 3 – 1 – 2 : Alfonso tra i pali; Mateju, gli ex Romagnoli e Carillo, Curcio in difesa; Ndoj, Tonali e Bisoli in mediana; Tremolada tra le linee alle spalle del tandem Donnarumma ( ex ) – Torregrossa.

Nel video, l’intervista a Gaston Brugman

Nel video, l’intervista al Presidente Daniele Sebastiani che illustra le finalità del progetto “Pescara bond” e dice la sua sulla sentenza del Coni

Sii il primo a commentare su "Brugman “Pescara è la mia città. Mai pensato di andare via”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*