Scuola1Il sindaco del comune chietino di Fara S.Martino ha risolto il dilemma sull'adozione o meno dei grembiuli per gli alunni della scuola materna e primaria sostituendoli con polo e felpe di colore blu e con il logo dell'amministrazione comunale sul petto e il nome della scuola "Filippo Verna", sul dorso. L'innovativa divisa ha interessato 97 alunni, 26 della materna e 70 delle elementari. Per le spese, 6 mila euro, c'è stato il contributo di varie aziende private. "Finora, inspiegabilmente - fa notare il sindaco - gli scolari faresi non indossavano i grembiuli durante le ore scolastiche, a differenza degli allievi di altri comuni del territorio. L'uso del grembiule non deve necessariamente riportare a nostalgie del passato, ma attiene senza dubbio a valenze sociali e pedagogiche. Uno studio americano ha rilevato gli effetti positivi dell'uso delle divise e gli episodi discriminatori sono stati arginati, soprattutto il bullismo. Indossare una divisa migliora il relazionarsi degli alunni, non esponendoli involontariamente alla discriminazione per via delle differenze socio-economiche troppo spesso evidenziate e rappresentate dall'abbigliamento, facendo sentire i ragazzi parte di uno stesso gruppo contribuendo ad una maggiore solidarietà tra di loro. In un ambiente neutro cresce la sana competizione non più basata sulle apparenze ma sulla valorizzazione delle capacità intellettive". Per la nuova dirigente scolastica dell'istituto comprensivo di Palena, Maria Paola De Angelis, entrata in servizio un mese fa, "l'iniziativa della consegna delle magliette, cui ho partecipato, è stata molto positiva ed è stata apprezzata sia dalle famiglie che dagli insegnanti. Le scritte della scuola e del comune sulle divise hanno anche grande valenza del senso di identità sia del territorio che della stessa scuola"

Condividi

Submit to Facebook Submit to Google Bookmarks Submit to Twitter Submit to LinkedIn YouTube

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna