“Social Dumping”, si costitusce l’imprenditore rumeno

inchiesta-social-dumping-tutto-è-partito-dalla-cgil

Svolta nell’inchiesta “Social Dumping”: la notte scorsa, di ritorno dalla Romania, si è costituito a Teramo l’ultimo degli indagati.

Si tratta dell’imprenditore l’imprenditore rumeno Nicolae Otescu, sul quale pendeva una ordinanza cautelare in carcere nell’ambito dell’inchiesta della procura distrettuale antimafia dell’aquila denominata “Social Dumping”. Le indagini hanno permesso di sgominare una organizzazione dedita al reclutamento e allo sfruttamento della manodopera nei cantieri della Ricostruzione post terremoto. Il rumeno, che è stato trasferito nel carcere di Teramo, è stato latitante per alcuni giorni, ma nel suo Paese d’origine aveva concesso diverse interviste televisive. Da giovedì scorso sono in carcere quattro imprenditori e un intermediario.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "“Social Dumping”, si costitusce l’imprenditore rumeno"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*